Passeggiata per Roma #4

9 05 2010





Dedicato a lei.

3 05 2010

Roma sa esserti specchio severo.
E allora, ci sono giorni in cui ti guarda con indifferenza, si lascia passeggiare come una donna sorpresa da una carezza accettata e non voluta che si ritrae perché lei non ti appartiene. Perché lei non si fa prendere, quando non vuole.
Dovete convivere, lei lo sa, e proprio come una bambina ti fa i dispetti a dirti che è lei che conduce il ballo.
Sono quei giorni in cui camminando sul marciapiede un motorino con troppa fretta ti inzuppa i vestiti; o quando resti sul binario della metro aspettando il tuo treno, troppo fragile e distaccata per lottare; o cerchi nei passanti un segno di complicità ma scorgi solo uno sguardo opaco di emozioni.
E nessuno ti vede.

E ti senti sola mentre cerchi un abbraccio dalla tua città.

Poi ci sono i giorni in cui la città ti è amica: ti abbraccia con calore mentre si apre a te con complicità innocente e, timidamente piena di passione, ti svela un segreto mentre cammini veloce perché lei, prima donna, cerca il tuo sguardo e sa meravigliarti.
Questo era un giorno così …





Aria

23 04 2010





Buon San Valentino!

14 02 2010

Che poi io non l’ho mai festeggiato …

Rock ‘n’ Roll sur les Quais de Paris, Paul Almasy, 1950s





Tramontana

8 02 2010

Ci guardiamo negli occhi di tramontana, sgombri come il cielo, ghiacciati come il vento di questi giorni.

Annusiamo l’intimità e ci colpiamo con la confidenza, perché sappiamo dove ferire e cosa fa male.

Tra gli sbagli, questo è il più grande: legarci con le catene di tutti i giorni senza chiavi per aprirle.
Ci stringono i polsi, feriscono le braccia, ci tengono insieme ma senza volontà.





Passeggiata per Roma #3

10 01 2010





Passeggiata per Roma#2

5 01 2010

Roma strega, stupisce, incanta.
Piena di contrasti.
Nel traffico trovare un angolo di relax.
Lasciare il mondo, per un attimo, e chiudersi in un angolo fuori dal tempo.