Calore e dolcezza

21 03 2010

“Wilma era seduta alla finestra, le mani che stringevano una tazza, la sua attenzione catturata da qualcosa di lontano e triste.

Non mi aveva sentito scendere, o almeno così sembrava, e rimasi ad osservarla per un istante prima di bussare sul fianco di un baule per annunciare la mia presenza.
Scosse il capo, come per dissipare le tristezza che aveva dentro, e mi sorrise, ma i suoi occhi erano neri e ancora distanti, e mi domandai cosa avesse visto. Volevo che tutto uscisse allo scoperto, i miei segreti come i suoi, che si rovesciasse tutto sul pavimento fino a formare un ammasso putrefatto da prendere a calci, perché ero stanca e non ne potevo più di sostenere quel peso.

Quella sensazione di leggerezza mi piaceva. Era così che immaginavo ci si dovesse sentire sul trapezio, come era per Mina la Ballerina. Era così che immaginavo ci si sentisse quando ti lasciavi cadere e vedevi delle mani protese verso di te, sapendo che alla fine della piroetta ti avrebbero preso. Era quella leggerezza, quel senso di vuoto, quella certezza di non precipitare su una superficie implacabile, alimentata dal tuo stesso peso. No. Volteggiavi in aria e venivi presa, facevi capriole, volavi e stringevi la presa per poi tornare infine sulla piattaforma, con le braccia in aria, al di sopra della folla, fiera della tua vittoria su ciò che non era accaduto.

Wilma sorseggiava dalla tazza. Ero quasi sicura si trattasse di whisky. Non dissi nulla, mi avvicinai in silenzio ancora immersa da quella strana sensazione e scansai un’altra sedia, scendendo a sedere lentamente, come una piuma.

Neanche lei disse nulla. Le presi la tazza e sorseggiai senza guardare dentro. Era whisky, whisky e tè, caldo, potente e dolce di zucchero e miele. Me lo sentii scorrere dentro, ma Wilma si riprese la tazza prima che potessi bere di nuovo.
“Dovresti mangiare qualcosa”, disse. “Sono giorni che non tocchi cibo. Non credo che un punch sia l’ideale come prima cosa.” Studiò la tazza, poi girò attenta il manico per bere da un punto che le mie labbra non avessero toccato.
“C’è del pane”, disse. “Potresti tostarne qualche fetta.” Annuii. Ma volevo whisky e tè, dolcezza e calore. Non volevo niente che mi riempisse e mi pesasse dentro. Volevo sentire le cose che mi seguivano di nascosto, quelle orribili cose scure e scivolose che mi trascinavo dietro da così tanto tempo. Volevo che mi venisse voglia di piangere, ma non ci riuscivo. Certo non io. Annuii e mi alzai, ancora malferma, per andare a prendere il pane e prepararmi un toast, qualcosa di solido ed affidabile.”

Amanda Davis, Mi chiedo quando ti mancherò

Annunci

Azioni

Information

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: